Foto e descrizione dell'ombrello rosso (Chlorophyllum rhacodes)

Ombrello che arrossisce (Chlorophyllum rhacodes)

Sistematici:
  • Dipartimento: Basidiomycota (Basidiomycetes)
  • Suddivisione: Agaricomycotina
  • Classe: Agaricomycetes (Agaricomycetes)
  • Sottoclasse: Agaricomycetidae
  • Ordine: Agaricales (Agaric o Lamellar)
  • Famiglia: Agaricaceae (Champignon)
  • Genere: Chlorophyllum (Chlorophyllum)
  • Visualizza: Chlorophyllum rhacodes (Ombrello che arrossisce)

Sinonimi:

  • Ombrello Shaggy

  • Pollaio

Ombrello che arrossisce

Cappello:

In un ombrello che arrossisce, il diametro del cappuccio va da 10-15 cm (fino a 30), prima ovoidale o sferico, poi emisferico, a forma di ombrello. Il colore del cappuccio è marrone, con varie sfumature. Gli esemplari adulti sono densamente ricoperti di scaglie marroni fibrose simili a piastrelle, che sono completamente assenti nei giovani esemplari. Al centro, il cappuccio è più scuro, senza squame. La polpa è bianca, spessa, diventa ovatta con l'età, diventa rossa al taglio. L'odore e il gusto sono deboli, piacevoli.

Piatti:

Le placche all'ombrello arrossante sono attaccate al collarium (un anello cartilagineo alla giunzione del cappello e della gamba), frequente, dapprima bianco crema, poi con una tinta rossiccia.

Polvere di spore:

Bianca.

Gamba:

Lungo, fino a 20 cm, 1-2 cm di diametro, in gioventù, fortemente ispessito nella parte inferiore, quindi cilindrico con base tuberosa, cavo, fibroso, liscio, grigio-marrone. Spesso è profondamente immerso negli aghi caduti. L'anello non è largo, raccolto, mobile, brunastro.

Propagazione:

L'ombrello arrossante cresce da luglio a fine ottobre in boschi di abete rosso e misti, spesso adiacenti ai formicai. Durante il periodo di abbondante fruttificazione (generalmente fine agosto) può crescere in gruppi molto numerosi. Può anche fruttificare abbondantemente nel mese di ottobre, nel periodo dei "funghi tardivi".

Specie simili:

Spesso confuso con un ombrello variegato (Macrolepiota procera), dal quale si differenzia nel luogo di crescita (anche se non sempre), in taglia più piccola, un cappello molto più ispido, una gamba liscia (in un ombrello variegato è ricoperto di fessure trasversali e piccole squame), un anello più scuro, e la cosa principale è la polpa, che arrossisce rapidamente alla rottura, specialmente nella gamba.

Commestibilità:

Tra le persone comprensive, l'ombrello che arrossisce è considerato un ottimo fungo commestibile. Si dice che le gambe non siano commestibili a causa della loro rigidità. Discuterei sia con la prima che con la seconda affermazione ...

Osservazioni

Inutile dire che un ombrello è un bellissimo fungo. Certo, questa specie, a differenza del Macrolepiota procera, è priva di qualsiasi grottesco, e raramente raggiunge le dimensioni di un buon sgabello, ma questo, a mio avviso, è già superfluo. Un ombrello che arrossisce è un fungo luminoso con un carattere consolidato, incontrarlo è sempre una vacanza. Ma potrebbe non valere la pena privare la vecchia foresta di abeti rossi di tale decorazione: la gloria gastronomica degli ombrelli, a mio avviso, è molto esagerata. La polpa di cotone per maglieria delizierà solo l'amante intenzionale. In un anno affamato, invece, si possono masticare le gambe fibrose elastiche, dopo averle marinate precedentemente con le spezie. Risulta un po 'peggio degli agarichi del miele autunnale.