Foto e descrizione di Sarcoscypha austriaca

Sarcoscypha austriaco (Sarcoscypha austriaca)

Sistematici:
  • Dipartimento: Ascomycota (Ascomycetes)
  • Suddivisione: Pezizomycotina
  • Classe: Pezizomycetes (Pecicomycetes)
  • Sottoclasse: Pezizomycetidae
  • Ordine: Pezizales
  • Famiglia: Sarcoscyphaceae
  • Genere: Sarcoscypha
  • Visualizza: Sarcoscypha austriaca

Sinonimi:

  • Ciotola elfica

  • Ciotola elfica rossa
  • Peziza austriaca
  • Lachnea austriaca

Sarcoscypha austriaca - Sarcoscifa austriaco

Descrizione

Corpo fruttifero: a coppa in gioventù, con un bordo più chiaro piegato verso l'interno, poi si dispiega a forma di piattino oa forma di disco, può essere di forma irregolare. Dimensioni da 2 a 7 centimetri di diametro.

La superficie superiore (interna) è scarlatta, rosso vivo, più chiara con l'età. Calvo, liscio, può diventare rugoso con l'età, soprattutto vicino alla parte centrale.

La superficie inferiore (esterna) è da biancastra a rosata o aranciata, pubescente.

I peli sono piccoli, sottili, biancastri, traslucidi, ricurvi e arricciati in modo complesso, descritti come "cavatappi" arricciati. È estremamente difficile vederli ad occhio nudo; è necessario il microshooting per trasferirli sulla foto.

Gamba: spesso o completamente assente o in uno stato rudimentale. Se c'è, allora uno piccolo e denso. Colorato come la superficie inferiore del corpo fruttifero.

Polpa: denso, sottile, biancastro.

Odore e gusto: fungo indistinguibile o debole.

Caratteristiche microscopiche

Controversie 25-37 x 9,5-15 micron, ellissoidali o simili a un pallone da calcio (a forma di pallone da calcio, descrizione - traduzione da una fonte americana, stiamo parlando di football americano - nota del traduttore), con estremità arrotondate o, spesso, appiattite, come una regola, con molte piccole goccioline di olio (<3 μm).

Asci 8 spore.

Parafisi filiforme, con contenuto rosso-arancio.

Superficie eccipolare con abbondanti peli abilmente curvati, attorcigliati e intrecciati.

Reazioni chimiche: KOH e sali di ferro sono negativi su tutte le superfici.

Variabilità

Le forme albine sono possibili. L'assenza di uno o più pigmenti porta al fatto che il colore del corpo del frutto non è rosso, ma arancione, giallo e persino bianco. I tentativi di allevare queste varietà geneticamente non hanno ancora portato a nulla (le forme albine sono estremamente rare), quindi, a quanto pare, questa è ancora una specie. Non c'è nemmeno un consenso di opinione se questo sia albinismo o l'influenza dell'ambiente. Finora, i micologi hanno convenuto che l'aspetto di popolazioni di un colore diverso dallo scarlatto non è influenzato dal tempo: tali popolazioni compaiono negli stessi luoghi in anni diversi. In questo caso, gli apoteci (corpi fruttiferi) con normale pigmentazione e albinismo possono crescere fianco a fianco, sullo stesso ramo.

Ecologia

Saprofita su bastoncini marci e tronchi di legno duro. A volte il legno è immerso nel terreno, e quindi sembra che i funghi crescano direttamente dal terreno. Cresce nelle foreste, ai lati dei sentieri o nelle radure aperte, nei parchi.

Si dice che il fungo possa crescere su terreni ricchi di humus, senza legarsi a detriti legnosi, sul muschio, sulle foglie marce o sul marciume radicale. Quando cresce su legno in decomposizione, preferisce il salice e l'acero, anche se altri alberi decidui, come la quercia, ne sono abbastanza soddisfatti.

Stagione e distribuzione

Inizio primavera.

Alcune fonti indicano che durante un autunno prolungato, il fungo può essere trovato nel tardo autunno, prima del gelo e anche in inverno (dicembre).

Distribuito nelle regioni settentrionali dell'Europa e nelle regioni orientali degli Stati Uniti.

Cresce in piccoli gruppi.

Proprio come il Sarkoscif alai, questa specie è una sorta di indicatore di "pulizia ecologica": nelle regioni industriali o vicino alle autostrade, i Sarkoscif non crescono.

Commestibilità

Il fungo è commestibile.Puoi discutere sul gusto, dal momento che non c'è un fungo ovvio e ben espresso o una sorta di gusto esotico qui. Tuttavia, nonostante le piccole dimensioni dei corpi fruttiferi e la polpa piuttosto sottile, la consistenza di questa polpa è eccellente, soda, ma non gommosa. Si consiglia la pre-bollitura per ammorbidire il fungo e non far bollire sostanze nocive.

Ci sono classificazioni in cui i sarcoscifa austriaci (come lo scarlatto) sono classificati come funghi non commestibili e persino velenosi. Non ci sono casi confermati di avvelenamento. Non sono inoltre disponibili dati sulla presenza di sostanze tossiche.

Specie simili

Scarlet sarcoscine (Sarcoscypha coccinea), molto simile, si ritiene che esternamente sia quasi indistinguibile dall'austriaco. La principale differenza, su cui, sembra, al momento della stesura di questo articolo, i micologi concordano: la regione scarlatta ha un habitat più meridionale, e quella austriaca è più settentrionale. A un esame più attento, queste specie possono essere distinte dalla forma dei peli sulla superficie esterna.

Sono menzionati almeno altri due sarcoscif molto simili:

Sarcoscypha occidentalis (Sarcoscifa occidentale), il suo corpo fruttifero è più piccolo, di circa 2 cm di diametro, e presenta una gamba pronunciata piuttosto alta (fino a 3 centimetri di altezza), che si trova in America Centrale, Caraibi e Asia.

Sarcoscypha dudleyi (Sarcoscif Dudley) - Specie nordamericana, di colore più vicino al cremisi, preferisce crescere sui resti legnosi del tiglio.

I microstomi, ad esempio Microstoma protractum, sono molto simili nell'aspetto, intersecano l'ecologia e la stagione, ma hanno corpi fruttiferi più piccoli.

Orange Aleuria (Aleuria aurantia) cresce nella stagione calda

Foto: Nikolay (NikolayM)