Foto e descrizione della ciliegia secondaria (Clitopilus prunulus)

Ciliegia secondaria (Clitopilus prunulus)

Sistematici:
  • Dipartimento: Basidiomycota (Basidiomycetes)
  • Suddivisione: Agaricomycotina
  • Classe: Agaricomycetes (Agaricomycetes)
  • Sottoclasse: Agaricomycetidae
  • Ordine: Agaricales (Agaric o Lamellar)
  • Famiglia: Entolomataceae
  • Genere: Clitopilus (Clitopilus)
  • Visualizza: Clitopilus prunulus (Sub-ciliegia)
    Altri nomi per il fungo:
  • Pendente

Sinonimi:

  • Pendente

  • Ivishen
  • ciliegia
  • Clitopilo comune

Subshen

Cappello appeso:

Con un diametro di 4-10 cm, in gioventù è convessa, con l'età si apre a forma di imbuto, anche se non sempre. Il colore è abbastanza mutevole, dal bianco al grigio-giallastro, può variare notevolmente a seconda delle condizioni di crescita e della specifica "varietà". La superficie è liscia, asciutta o leggermente umida, lucida (quest'ultima varietà è talvolta chiamata Clitopilius prunulus var. Orcellus), non igrofila e non zonata. La polpa del cappello è bianca, spessa, soda, con un forte odore di farinoso (o forse di cetriolo).

Piatti:

Privato, discendente lungo la gamba, il colore del cappuccio; con l'età, man mano che le spore maturano, diventano leggermente rosa (a giudicare dalla sofferenza con la definizione del fungo, non sempre si nota).

Polvere di spore:

Rosa.

Gamba:

Altezza 3-6 cm, spessore circa 1 cm (in rari casi fino a 1,5 cm), irregolare, spesso ricurvo, solido. Colore: come un berretto o leggermente più chiaro, la carne della gamba è bianca, fibrosa.

Propagazione:

Varie varietà di Uva ursina si trovano da luglio a fine settembre ovunque nelle foreste di vario tipo, nei boschi, tra le erbe, prediligendo invariabilmente i terreni acidi. Il fungo forma la micorriza, di regola, con fiori rosa, ma si trova anche nelle foreste di abeti rossi senza la minima traccia di meli e ciliegi.

Specie simili:

Il genere Clitopilius contiene un numero enorme di specie, una parte significativa delle quali è estremamente simile a Clitopilius prunulus e differisce solo per le caratteristiche microscopiche. Un'altra cosa è che molti oratori bianchi possono sembrare un meraviglioso fungo. Piatti rosati (ahimè, non sempre e non fortemente), non un cappello igrofano senza cerchi concentrici (eccellente protezione contro il parlatore ceroso velenoso (Clitocybe cerussata) / amante delle foglie (Clitocybe phyllophila)) possono servire come importanti tratti distintivi. In generale, è importante capire che una ciliegia secondaria è un fungo, molto simile a un grande gallinaccio bianco, ma che odora di farina o cetrioli.

Commestibilità:

Il fungo è commestibile e, secondo alcune fonti, è considerato di grande pregio, tuttavia il forte odore di farina non è di gusto per tutti, e la somiglianza con oratori velenosi ed entolomi sconosciuti in senso nutrizionale rende moderate le ambizioni gastronomiche.

Osservazioni

Ora è facile da dire, ma è così che, per dirla senza mezzi termini, siamo stati più o meno esausti con questo. Un fungo simile a un grande gallinaccio bianco mi è venuto incontro spesso e regolarmente, ogni volta fastidioso e sconcertante. Più per motivi di ordine che per buon senso, lo consideravo un chiacchierone ceroso, ma non puoi illuderti all'infinito. Il problema principale era che l'aspetto del fungo familiare era così "loquace" che non mi è mai venuto in mente di cogliere coscienziosamente un esemplare adulto e seminare spore per vedere il loro colore. Non appena ciò è stato fatto, c'è stato un chiarimento tanto atteso; Sì, abbiamo davanti a noi un semplice salice, il Clitopilius prunulus, ovvero una delle innumerevoli sottospecie di questa specie di fungo estremamente instabile.