Funghi: quantità di vitamine

I funghi sono famosi non solo per il loro alto contenuto proteico. Quasi tutte le specie commestibili sono ricche di provitamina A (carotene), vitamine C, D e PP. Inoltre, quest'ultimo nei funghi è lo stesso del lievito o del fegato di manzo. Ma è questa vitamina che normalizza le funzioni dello stomaco e le condizioni del fegato, migliora il funzionamento del pancreas. Sono ricchi di funghi e vitamine del gruppo B, e questo aiuta a rafforzare il sistema nervoso, migliorare la vista e le condizioni della pelle, delle mucose.

Anche la composizione minerale dei funghi è tutt'altro che scarsa. Zinco, manganese, rame, nichel, cobalto, cromo, iodio, molibdeno, fosforo e sodio: questo è un elenco incompleto di elementi utili contenuti nei funghi. Contengono anche una grande quantità di potassio, che supporta il sistema circolatorio e stimola il metabolismo. E grazie alle riserve di ferro, i piatti a base di funghi dovrebbero diventare i principali nella dieta di chi soffre di anemia (soprattutto nei funghi porcini c'è molta di questa sostanza).

Tra le altre cose, c'è anche la lecitina nei funghi, che impedisce il deposito di colesterolo sulle pareti dei vasi sanguigni. Inoltre, la lecitina di funghi viene assorbita molto facilmente dal corpo umano. Ecco perché funghi prataioli e finferli, funghi pioppi e funghi porcini possono legittimamente portare il titolo di coraggiosi combattenti contro l'aterosclerosi.

È vero, tutte le preoccupazioni di cui sopra "vantaggi" solo funghi freschi, a causa dell'ebollizione, il trattamento termico distrugge la parte del leone della loro "utilità". Quindi il desiderio di beneficiare il tuo corpo può essere realizzato solo se usi funghi prataioli coltivati ​​in condizioni artificiali, che possono essere consumati crudi senza paura della salute.