Foto e descrizione dei capelli ghiacciati (Exidiopsis effusa)

Capelli di ghiaccio (Exidiopsis effusa)

Sistematici:
  • Dipartimento: Basidiomycota (Basidiomycetes)
  • Suddivisione: Agaricomycotina
  • Classe: Agaricomycetes (Agaricomycetes)
  • Sottoclasse: Auriculariomycetidae
  • Ordine: Auriculariales
  • Famiglia: Auriculariaceae (Auriculariaceae)
  • Genere: Exidiopsis
  • Visualizza: Exidiopsis effusa (capelli ghiacciati)

Sinonimi:

  • Barba gelida

  • Lana di ghiaccio
  • Thelephora effusa
  • Exidiopsis effusa
  • Sebacina effusa
  • Exidiopsis grisea var. effusa
  • Exidiopsis quercina
  • Sebacina quercina
  • Sebacina peritricha
  • Sebacina laccata

Exidiopsis effusa

Descrizione

Il ghiaccio per capelli, la lana ghiacciata o la barba gelata, noto anche come ghiaccio per capelli, lana ghiacciata o barba gelata, è un tipo di ghiaccio che si forma sul legno morto e sembra capelli fini e setosi.

Questo fenomeno si osserva principalmente nell'emisfero settentrionale, tra il 45 ° e il 50 ° parallelo, nelle foreste di latifoglie. Tuttavia, anche al di sopra del 60 ° parallelo, questo ghiaccio straordinariamente bello può incontrare quasi ad ogni passo, se solo ci fosse una foresta adatta e un tempo "corretto" (nota dell'autore).

Exidiopsis effusa

Il "pelo di ghiaccio" si forma su legno umido in decomposizione (tronchi morti e ramoscelli di varie dimensioni) ad una temperatura leggermente inferiore allo zero e un'umidità dell'aria sufficientemente elevata. Crescono sul legno, non sulla superficie della corteccia, e possono apparire nello stesso punto per diversi anni consecutivi. Ogni singolo capello ha un diametro di circa 0,02 mm e può crescere fino a 20 cm di lunghezza (anche se più spesso si trovano esemplari più modesti, lunghi fino a 5 cm). I peli sono molto fragili, ma possono comunque arricciarsi in "onde" e "riccioli". Sono in grado di mantenere la loro forma per molte ore o addirittura giorni. Ciò suggerisce che qualcosa impedisce la ricristallizzazione del ghiaccio, il processo di trasformazione di piccoli cristalli di ghiaccio in cristalli grandi, che normalmente è molto attivo a temperature appena inferiori allo zero.

Exidiopsis effusa

Questo straordinario fenomeno fu descritto per la prima volta nel 1918 dal geofisico e meteorologo tedesco, il creatore della teoria della deriva dei continenti, Alfred Wegener. Ha suggerito che una specie di fungo potrebbe essere la causa. Nel 2015, scienziati tedeschi e svizzeri hanno dimostrato che questo fungo è Exidiopsis effusa, un membro della famiglia delle Auriculariaceae. Non è del tutto chiaro come il fungo induca il ghiaccio a cristallizzare in questo modo, ma si presume che produca una sorta di inibitore della ricristallizzazione, simile nella sua azione alle proteine ‚Äč‚Äčantigelo. In ogni caso, questo fungo era presente in tutti i campioni di legno su cui cresceva il "pelo di ghiaccio", e nella metà dei casi era l'unica specie trovata, e la sua soppressione da parte dei fungicidi o l'esposizione ad alte temperature faceva sì che il "pelo di ghiaccio" non apparendo più.

Exidiopsis effusa

Il fungo stesso è piuttosto poco appariscente, e se non fosse stato per i bizzarri peli di ghiaccio, non gli avrebbero prestato attenzione. Tuttavia, nella stagione calda non si nota nemmeno.

Exidiopsis effusa

Foto: Gulnara, maria_g, Wikipedia.