Foto e descrizione di Lingonberry exobasidium (Exobasidium vaccinii)

Lingonberry exobasidium (Exobasidium vaccinii)

Sistematici:
  • Dipartimento: Basidiomycota (Basidiomycetes)
  • Suddivisione: Ustilaginomycotina ()
  • Classe: Exobasidiomycetes (Exobasidiomycetes)
  • Sottoclasse: Exobasidiomycetidae
  • Ordine: Exobasidiales
  • Famiglia: Exobasidiaceae
  • Genere: Exobasidium (Exobasidium)
  • Visualizza: Exobasidium vaccinii (Lingonberry exobasidium)

Lingonberry exobasidium (Exobasidium vaccinii)Propagazione:

Il mirtillo rosso exobasidium (Exobasidium vaccinii) cresce da luglio all'autunno nelle foreste di conifere sulle foglie di mirtillo rosso e sui suoi giovani germogli, su uno stelo, meno spesso sui fiori.

Il mirtillo rosso exobasidium (Exobasidium vaccinii) si trova molto spesso in quasi tutte le foreste della taiga al confine settentrionale della foresta nell'Artico. All'inizio o alla metà dell'estate, le foglie, e talvolta i giovani steli di mirtillo rosso, si deformano: le aree infette delle foglie crescono, la superficie dell'area sul lato superiore delle foglie diventa concava e diventa di colore rosso. Sul lato inferiore delle foglie, le aree colpite sono convesse, bianche come la neve. L'area deformata diventa più spessa (3-10 volte rispetto alle foglie normali). A volte gli steli sono deformati: si addensano, si piegano e diventano bianchi. I fiori sono occasionalmente colpiti. Al microscopio, è facile rilevare grandi cambiamenti nella struttura del tessuto fogliare. Le cellule sono notevolmente più grandi del normale (ipertrofia), sono più grandi del normale. Non c'è clorofilla nelle cellule delle aree colpite, ma nella linfa cellulare appare un pigmento rosso - antocianina. Dona alle foglie colpite un colore rosso.

Tra le cellule del mirtillo rosso sono visibili ife fungine, ce ne sono più vicino alla superficie inferiore della foglia. Le ife più spesse crescono tra le cellule epidermiche; su di essi si sviluppano giovani basidi, sotto la cuticola. La cuticola viene strappata, scartata in pezzi e su ogni basidio maturo si formano 2-6 basidiospore a forma di fuso. Da loro, appare una delicata fioritura bianca simile al gelo, evidente sul lato inferiore della foglia colpita. Le basidiospore, cadendo in una goccia d'acqua, diventano presto 3-5 cellule. Da entrambe le estremità le spore crescono lungo una sottile ifa, dalle cui estremità sono lacerati piccoli conidi. Possono, a loro volta, formare blastospore. Altrimenti germinano quelle basidiospore, che cadono sulle giovani foglie di mirtillo rosso. Le ife che compaiono durante la germinazione penetrano attraverso gli stomi delle foglie nella pianta e lì si forma il micelio. Dopo 4-5 giorni, sulle foglie compaiono macchie giallastre e dopo un'altra settimana la malattia del mirtillo rosso ha un'immagine tipica. Si forma il basidio, vengono rilasciate nuove spore.

L'intero ciclo di sviluppo di Exobasidium vaccinii richiede meno di due settimane. Il mirtillo rosso exobasidium (Exobasidium vaccinii) è oggetto e causa di controversia per molte generazioni di micologi. Alcuni scienziati vedono negli esobasidiomiceti un gruppo primitivo, che conferma l'ipotesi dell'origine degli imenomiceti da funghi parassiti; pertanto, questi funghi sono presentati nei loro sistemi in un ordine indipendente prima di tutti gli altri imenomiceti. Altri, come l'autore di queste righe, considerano i funghi esobasidici come un gruppo di funghi altamente specializzato, come un ramo laterale dello sviluppo degli imenomiceti primitivi saprotrofi.

Pertanto, una grande domanda teorica sull'origine di molte migliaia di specie di funghi superiori è collegata alla soluzione di una particolare domanda sulla tassonomia degli esobasidiali. Un'altra questione, collegata anche ai principali problemi teorici, è rimasta controversa. È noto da tempo che il mirtillo rosso Exobasidium (Exobasidium vaccinii) cresce su mirtilli, mirtilli rossi, uva ursina, andromeda e altre eriche. Questa è tutta una specie o un intero complesso, anche se strettamente correlato, ma indipendente e altamente specializzato.

Descrizione:

Il corpo fruttifero di Exobasidium vaccinii è assente. Innanzitutto, 5-7 giorni dopo l'infezione, sulla sommità delle foglie compaiono macchie giallo-brunastre, che diventano rosse dopo una settimana.La macchia occupa parte della foglia o quasi tutta la foglia, dall'alto viene pressata in una foglia deformata profonda 0,2-0,3 cm e di dimensioni 0,5-0,8 cm, rosso cremisi (antocianina). Sul fondo della foglia è presente un rigonfiamento ispessito, una crescita simile a un tumore di 0,4-0,5 cm di dimensione, con una superficie irregolare e con un fiore bianco (basidiospore).

Polpa:

Denso, carnoso, con un debole odore di polvere, bianco, leggero.

Somiglianza:

Con altre specie specializzate di Exobasidium: mirtilli (Exobasidium myrtilli), mirtilli rossi, uva ursina e altre eriche.

Valutazione:

Si riferisce a funghi parassiti non commestibili.