Foto e descrizione del fungo del miele dalle gambe grasse (Armillaria gallica)

Fungo del miele di Fatfoot (Armillaria gallica)

Sistematici:
  • Dipartimento: Basidiomycota (Basidiomycetes)
  • Suddivisione: Agaricomycotina
  • Classe: Agaricomycetes (Agaricomycetes)
  • Sottoclasse: Agaricomycetidae
  • Ordine: Agaricales (Agaric o Lamellar)
  • Famiglia: Physalacriaceae (Physalacriaceae)
  • Genere: Armillaria (Miele)
  • Visualizza: Armillaria gallica (fungo del miele di Fatfoot)

Sinonimi:

  • Armillaria bulbosa
  • Armillaria lutea
  • Fungo bulboso

Agarico di miele dalle gambe spesse

Fungo del miele dai piedi alti (lat. Armillaria gallica) È una specie di funghi inclusa nel genere Openok (Armillaria) della famiglia delle Physalacriaceae.

Cappello:

Il diametro del cappello del fungo del miele dalle gambe spesse è di 3-8 cm, la forma dei giovani funghi è emisferica, con un bordo avvolto, con l'età si apre quasi ad aprirsi; colore indefinito, mediamente piuttosto chiaro, giallo-grigiastro. A seconda del luogo di crescita e delle caratteristiche della popolazione, si hanno sia esemplari quasi bianchi che piuttosto scuri. Il cappello è ricoperto da piccole squame scure; man mano che invecchiano, le squame migrano verso il centro, lasciando i bordi quasi lisci. La polpa del cappello è bianca, densa, con un gradevole odore di "fungo".

Piatti:

Leggermente discendente, frequente, dapprima giallastra, quasi bianca, che con il tempo acquisisce un colore ocra. Nei funghi troppo maturi, sui piatti sono visibili macchie marroni caratteristiche.

Polvere di spore:

Bianca.

Gamba:

La lunghezza della gamba del fungo del miele dalle gambe spesse è di 4-8 cm, il diametro è di 0,5-2 cm, cilindrico, di solito con un rigonfiamento tuberoso nella parte inferiore, più leggero del cappello. Nella parte superiore - i resti dell'anello. L'anello è bianco, ragnatela, delicato. La polpa della gamba è fibrosa, dura.

Propagazione:

L'agarico di miele di Fatfoot cresce da agosto a ottobre (a volte si incontra a luglio) sui resti degli alberi in decomposizione, così come sul terreno (specialmente sulla lettiera di abete rosso). A differenza della specie dominante Armillaria mellea, questa varietà, di regola, non infetta gli alberi viventi e porta frutti non a strati, ma costantemente (anche se non così abbondantemente). Cresce sul terreno in grandi gruppi, ma, di regola, non cresce insieme in grandi grappoli.

Specie simili:

Questa varietà differisce dal "modello base" chiamato Armillaria mellea, in primo luogo, nel luogo di crescita (principalmente lettiera forestale, comprese le conifere, meno spesso ceppi e radici morte, alberi mai vivi), e in secondo luogo, nella forma della gamba ( spesso, ma non sempre, il caratteristico rigonfiamento nella parte inferiore, per il quale veniva chiamata anche questa specie Armillaria bulbosa), e in terzo luogo, uno speciale velo privato "ragnatela". Puoi anche notare che l'agarico di miele dalle gambe spesse è, di regola, più piccolo e più basso dell'agarico di miele autunnale, ma questo segno difficilmente può essere definito affidabile.

In generale, la classificazione delle specie precedentemente unite sotto il nome di Armillaria mellea è una questione estremamente confusa. (Si sarebbero combinati ulteriormente, ma gli studi genetici hanno inesorabilmente dimostrato che i funghi, che hanno caratteri morfologici molto simili e, ciò che è più spiacevole, molto flessibili, sono ancora specie completamente diverse.) Un certo Wolf, un ricercatore americano, ha chiamato il genere Armillaria una maledizione e una vergogna della moderna micologia, con la quale è difficile non essere d'accordo. Ogni micologo professionista, che si occupa seriamente di funghi di questo genere, ha la sua visione della composizione della sua specie. E ci sono molti professionisti in questa fila - come sai, Armillaria - il parassita più pericoloso della foresta e non risparmia soldi per la sua ricerca.

Commestibilità:

Uno dei funghi raccolti commercialmente più popolari.

I raccoglitori sono generalmente riluttanti a distinguere tra le varietà di funghi autunnali e sono facili da capire.