Foto e descrizione del gleophyllum del registro (Gloeophyllum trabeum)

Log gleophyllum (Gloeophyllum trabeum)

Sistematici:
  • Dipartimento: Basidiomycota (Basidiomycetes)
  • Suddivisione: Agaricomycotina
  • Classe: Agaricomycetes (Agaricomycetes)
  • Sottoclasse: Incertae sedis (undefined)
  • Ordine: Gloeophyllales
  • Famiglia: Gloeophyllaceae (Gleophyllaceae)
  • Genere: Gloeophyllum (Gleophyllum)
  • Visualizza: Gloeophyllum trabeum (registro di Gleophyllum)

Log gleophyllum (Gloeophyllum trabeum)

Log gleophyllum appartiene alla grande famiglia delle gleofille.

Cresce in tutti i continenti (esclusa solo l'Antartide). In Russia, si trova ovunque, ma il più delle volte gli esemplari si trovano nelle foreste decidue. Preferisce crescere su valezha, spesso su ceppi, e cresce su legno lavorato (quercia, olmo, pioppo tremulo). Cresce anche nelle conifere, ma molto meno spesso.

È diffuso sugli edifici in legno e in questa veste il log gleofllum si trova più spesso che in natura (da cui il nome). Sugli edifici in legno forma potenti corpi fruttiferi, spesso di aspetto brutto.

Stagione: tutto l'anno.

Un fungo annuale della famiglia delle Gleophyllaceae, ma può svernare e crescere per due o tre anni.

Peculiarità della specie: l'imenoforo del fungo presenta pori di varie dimensioni; la superficie del cappello è caratterizzata dalla presenza di leggera pubescenza. È limitato principalmente alle specie di alberi decidui. Provoca marciume bruno.

I corpi fruttiferi del gleofillo sono di tipo tronco, sessili. Di solito i funghi vengono raccolti in piccoli gruppi, in cui possono crescere lateralmente. Ma ci sono anche esemplari singoli.

I cappelli raggiungono dimensioni fino a 8-10 cm, spessore - fino a 5 mm. La superficie dei funghi giovani è pubescente, irregolare e di quelli maturi è ruvida, con setole grossolane. Colorazione - marrone, marrone, in età avanzata - grigiastro.

L'imenoforo nel log gleophyllum ha sia pori che placche. Colore: rossastro, grigio, tabacco, brunastro. Le pareti sono sottili, la forma è diversa per configurazione e dimensioni.

La polpa è molto sottile, leggermente coriacea, marrone con una sfumatura rossastra.

Le spore hanno la forma di un cilindro, un bordo è leggermente appuntito.

Specie simili: da gleophyllum - gleophyllum oblungo (ma i suoi pori hanno pareti spesse, e la superficie del cappello è nuda, non ha pubescenza), e da Dedaliopsis è simile a Dedaliopsis tuberous (differisce per cappucci e tipo di imenoforo) .

Il fungo è immangiabile.

In diversi paesi europei (Francia, Gran Bretagna, Paesi Bassi, Lettonia) è incluso nelle Liste Rosse.