Foto e descrizione del fungo di pollo (Laetiporus sulphureus)

Funghi Di Pollo (Laetiporus sulphureus)

Sistematici:
  • Dipartimento: Basidiomycota (Basidiomycetes)
  • Suddivisione: Agaricomycotina
  • Classe: Agaricomycetes (Agaricomycetes)
  • Sottoclasse: Incertae sedis (undefined)
  • Ordine: Polyporales
  • Famiglia: Fomitopsidaceae
  • Genere: Laetiporus (Letiporus)
  • Visualizza: Laetiporus sulphureus (fungo di pollo)
    Altri nomi per il fungo:

  • Fungo esca giallo zolfo
  • Pollo ai funghi
  • Zolfo della strega
  • Kulyn

Sinonimi:

  • Funghi Di Pollo

  • Pollo ai funghi

  • Zolfo della strega
  • Kulyn

Funghi Di Pollo

Corpo fruttifero di fungo esca giallo zolfo:

Nella prima fase di sviluppo, il fungo esca giallo-zolfo è una massa giallastra a forma di goccia (o anche "simile a una bolla") - la cosiddetta "forma fluente". Sembra che l'impasto sia sfuggito da qualche parte all'interno dell'albero attraverso le crepe nella corteccia. Quindi il fungo si indurisce gradualmente e acquisisce una forma di fungo esca più caratteristica: un cantilever, formato da diversi pseudo-cappucci. Più vecchio è il fungo, più i "cappucci" sono separati. Il colore del fungo cambia dal giallo pallido all'arancio e persino all'arancio rosato mentre si sviluppa. Il corpo fruttifero può raggiungere dimensioni molto grandi - ogni "cappello" cresce fino a 30 cm di diametro. La polpa è soda, spessa, succosa, giallastra in gioventù, poi secca, legnosa, quasi bianca.

Strato portatore di spore:

L'imenoforo situato sul lato inferiore del "cappuccio" è a pori fini, giallo zolfo.

Polvere di spore di fungo esca giallo zolfo:

Giallo paglierino.

Propagazione:

Il poliporo giallo-zolfo cresce da metà maggio all'autunno sui resti di alberi o su alberi decidui vivi indeboliti. Il primo strato (maggio-giugno) è il più abbondante.

Specie simili:

Il fungo che cresce sulle conifere è talvolta considerato una specie separata (Laetiporus conifericola). Questa varietà non deve essere consumata in quanto può causare un lieve avvelenamento, soprattutto nei bambini.

Il meripilo gigante (Meripilus giganteus), considerato un fungo commestibile di bassa qualità, non è di colore giallo brillante, ma di colore brunastro e polpa bianca.

Commestibilità:

In giovane età, il Laetiporus sulphureus è commestibile, anche se il gusto, va notato, è "per tutti". Secondo le mie osservazioni, è il fungo esca giallo-zolfo che detiene il record per il numero di ricette con la sua partecipazione. Ciò che segue è un'altra domanda.

Video sul fungo Fungo di pollo

Osservazioni

L'estate secca del 2002 è stata molto propizia a tutti i tipi di esperimenti culinari. Alla fine, ho avuto la possibilità di provare il fungo esca giallo zolfo. A dire il vero, il fungo non ha fatto un'impressione particolarmente forte. Ha il sapore di un tappo profumato.

Tuttavia, ora è già ovvio che ho provato funghi troppo vecchi e inutilizzabili. È facile dire: "commestibile in giovane età". Come disegnare il confine in pratica? Come stabilire il criterio di commestibilità? Ecco cosa mi ha scritto Oleg Kessler a proposito del fungo esca giallo zolfo:

“I funghi giovani hanno un colore più luminoso e più intenso, più vicino all'arancio. I funghi che invecchiano sembrano “bruciarsi”, “sbiadire”, “diventare grigi”. Il fungo giovane è umido, morbido al tatto, mentre quello vecchio è secco. E il gusto. Quello vecchio è sugheroso e acido (importante!). Quello giovane è morbido, tenero, senza un accenno di sughero e acido. Se tutte le condizioni sono le stesse, puoi prenderlo con coraggio ".

E così ho fatto. L'ho preso e l'ho provato. E tu sai? È andato tutto molto bene. Il fungo esca giallo-zolfo, tagliato a cubetti puliti e fritto nell'olio, si è rivelato una vera prelibatezza. Anche se non molto simile ai funghi che conosciamo. Quindi dobbiamo ammettere: i dubbi si sono rivelati falsi, la verità ha prevalso. Tuttavia, la verità trionfa sempre.

Un nome abbreviato che è rimasto nell'identificatore di WikiMushroom: HOA.