Foto e descrizione del fieno di Paneolus (Panaeolina foenisecii)

Fieno Paneolus (Panaeolina foenisecii)

Sistematici:
  • Dipartimento: Basidiomycota (Basidiomycetes)
  • Suddivisione: Agaricomycotina
  • Classe: Agaricomycetes (Agaricomycetes)
  • Sottoclasse: Agaricomycetidae
  • Ordine: Agaricales (Agaric o Lamellar)
  • Famiglia: Psathyrellaceae
  • Genere: Panaeolina (Paneolina)
  • Visualizza: Panaeolina foenisecii (Fieno Paneolus)
    Altri nomi per il fungo:

  • Sterco di fieno

Sinonimi:

  • Panaeolus foenisecii

  • Fieno di Paneolus

Fieno di Paneolus (Panaeolus foenisecii)

Tempo di raccolta: cresce dalla primavera all'inizio di dicembre, meglio a settembre e ottobre.

Posizione: singolarmente o in gruppo sull'erba bassa. in prati, campi, valli fluviali o pascoli fertili.

Cappello

Dimensioni: 8 - 25 mm ∅, 8 - 16 mm di altezza.

Il modulo: dapprima da semicircolare a largamente conica, poi a campana, molte all'estremità a forma di ombrello, ma mai piatte.

Colore: dal colore beige - giallo al color cannella, con una superficie marrone chiaro, brillante una volta asciutta. Quando sono bagnati, diventano rosso scuro - marrone.

Superficie: rigato morbido se umido, strappato e squamoso se asciutto, soprattutto negli esemplari più vecchi.

Piede

Dimensioni: 20-80 mm di altezza, 3-4 mm ∅.

Il modulo: dritto e uniforme, a volte leggermente piatto.

Colore: leggera, con una sfumatura rossastra, se secca, diventa marrone con l'umidità. Il cappello è sempre più chiaro del cappello, soprattutto nella parte superiore e negli esemplari giovani, brunastro alla base.

Superficie: liscio, cavo, fragile, fragile. Senza un anello.

Strato portatore di spore

Colore: marrone chiaro e screziato (le spore non ovunque), con bordi bianchi, si scuriscono fino a diventare neri (quando le spore sono mature e cadono), molto più marroni delle specie Panaeolus (scarabei stercorari a forma di campana).

Posizione: relativamente vicini gli uni agli altri, ampiamente fusi con una gamba, adnаt.

Questo fungo può essere facilmente confuso con l'altrettanto immangiabile Panaeolus papilionaceus.

ATTIVITÀ: da minore a medio.