Foto e descrizione del fungo dell'inchiostro (Coprinus comatus)

Fungo dell'inchiostro (Coprinus comatus)

Sistematici:
  • Dipartimento: Basidiomycota (Basidiomycetes)
  • Suddivisione: Agaricomycotina
  • Classe: Agaricomycetes (Agaricomycetes)
  • Sottoclasse: Agaricomycetidae
  • Ordine: Agaricales (Agaric o Lamellar)
  • Famiglia: Coprinaceae
  • Genere: Coprinus (Dung o Koprinus)
  • Visualizza: Coprinus comatus (Fungo dell'inchiostro)
    Altri nomi per il fungo:

  • Scarabeo stercorario bianco

o

Fungo dell'inchiostro

Fungo dell'inchiostro

Fungo dell'inchiostro (lat. Coprinus comatus) È un fungo del genere Dung (latino Coprinus) della famiglia Dung.

Cappello:

Altezza 5-12 cm, irsuta, bianca, dapprima fusiforme, poi a campana, praticamente non si raddrizza. Di solito c'è una protuberanza più scura al centro del cappuccio, che, come il capitano, è l'ultima a scomparire quando il cappuccio del fungo esce dall'inchiostro. L'odore e il gusto sono piacevoli.

Piatti:

Frequente, libero, bianco, diventa rosa con l'età, poi diventa nero e si trasforma in "inchiostro", che è caratteristico di quasi tutti gli scarabei stercorari.

Polvere di spore:

Il nero.

Gamba:

Lunghezza fino a 15 cm, spessore 1-2 cm, bianco, cavo, fibroso, relativamente sottile, con un anello mobile bianco (non sempre chiaramente visibile).

Propagazione:

Il fungo dell'inchiostro si trova da maggio all'autunno, a volte in quantità incantevole, nei campi, negli orti, nei frutteti, nei prati, nelle discariche, nelle discariche, nei cumuli di letame e lungo le strade. Di tanto in tanto si imbatte nella foresta.

Specie simili:

Il fungo dell'inchiostro (Coprinus comatus) è quasi impossibile da confondere con qualsiasi cosa.

Commestibilità:

Ottimo fungo. Tuttavia, va ricordato che puoi raccogliere solo funghi che non hanno ancora iniziato a compiere la loro Grande Missione: auto-digerire, trasformarsi in inchiostro. I piatti devono essere bianchi. È vero, da nessuna parte è detto cosa succederà se mangi (mangi, come si dice in edizioni speciali) lo scarabeo stercorario, che ha già avviato il processo di autolisi. Tuttavia, non ce ne sono quasi nessuno che lo desiderano. Si ritiene che il fungo dell'inchiostro sia commestibile solo in giovane età, prima che inizi la colorazione dei piatti, entro e non oltre due giorni dopo che è emerso dal terreno. È necessario elaborarlo entro e non oltre 1-2 ore dalla raccolta, poiché la reazione di autolisi continua anche nei funghi congelati. Si consiglia di pre-bollirlo come commestibile condizionatamente, anche se si sostiene che il fungo sia commestibile anche nella sua forma grezza. Inoltre, non è consigliabile mescolare gli scarabei stercorari con altri funghi.

Va anche notato che, secondo i dati scientifici, i saprofiti della spazzatura come gli scarabei stercorari con particolare entusiasmo estraggono dal suolo tutti i tipi di prodotti nocivi dell'attività umana. Di conseguenza, è impossibile raccogliere scarabei stercorari in città, così come vicino alle autostrade.

A proposito, in precedenza si credeva che Coprinus comatus contenesse sostanze incompatibili con l'alcol e quindi, in un certo senso, velenose (sebbene, del resto, l'alcol stesso sia velenoso, non il fungo). Ora è abbastanza ovvio che non è così, anche se a volte questa vecchia delusione compare nella letteratura. Molti altri coleotteri stercorari come Gray (Coprinus atramentarius) o Shimmering (Coprinus micaceus) sostengono uno stile di vita sano, anche se questo non è certo. Ma il fungo dell'inchiostro, fortunatamente o sfortunatamente, viene privato di questa proprietà. Certamente.

Appunti:

Ho molti ricordi d'infanzia associati allo scarabeo stercorario. In seconda elementare, in autunno, sono diventato in qualche modo inaspettatamente un grande appassionato di "funghi di città", trascorrendo intere giornate alla ricerca di scarabei stercorari e funghi prataioli. Conoscevo tutti i cantieri del mio quartiere, avevo molti volontari. Ridevano di me, ovviamente, ma per qualche motivo mi hanno aiutato volentieri.

A casa, le mie inclinazioni erano pienamente supportate. Stranamente, in termini di funghi, si fidavano completamente di me anche allora, e ogni autunno per diversi anni di seguito gli scarabei stercorari e, meno spesso, i funghi prataioli apparivano sulla nostra tavola. Scarabei stercorari in umido con panna acida e formaggio in cima: è impossibile dimenticare.Come ho iniziato a raccoglierli e perché mi sono fermato - sicuramente non ricordo, ma scarabei stercorari in panna acida ...